Storie di allevamenti differenti

Un confronto tra due agricoltori: da una parte Paolo Parisi, agricoltore specializzato nella produzione di uova di galline livornesi; dall’altra Laura Peri, proprietaria di un’azienda agricola nel pisano specializzata nel pollame. I due hanno idee molto differenti intorno alla produzione di uova e pollame.

Parisi, ad esempio, sostiene di avere avuto maggiore fortuna nel vendere i suoi prodotti grazie al passaparola avuto tra i grandi chef, e quindi non ha avuto bisogno di sponsor esterni. Rispetto all’allevamento, ha una visione più “estrema”; mentre Laura Peri si dimostra più attaccata alla tradizione antica.

Parisi infatti ha deciso di non utilizzare la soia come mangime, ma il latte di capra, per integrare la proteina animale utile a mantenere autentico il sapore delle uova. Dice anche di non mungere le capre tenendo conto delle norme igieniche che di solito si seguono per vendere il latte all’uomo (cioè non è un latte “pulito”), perché appunto destinato al consumo animale. Se cadono degli escrementi nel latte, non importa: verrà comunque utilizzato come mangime. La filosofia di Parisi è che gli animali si debbano nutrire di tutto ciò che la natura ha da offrirci.

Laura Peri al contrario utilizza granoturco e granaglie intere in modo da mantenere viva la tradizione del Valdarno. Il suo allevamento si basa sulla semplicità e sul legame con i valori del passato legati al territorio. Una delle caratteristiche della sua azienda è lo scarso utilizzo di tecnologie avanzate, sostituite da allevamenti all’aperto e da una generale gestione simile a quella che si usava una volta.

Nonostante l’incontro fosse rivolto forse a un pubblico specializzato, per noi è stato abbastanza interessante, perché abbiamo capito che questo settore può avere dei risvolti economici molto rilevanti, cosa che non ci aspettavamo. Speriamo in futuro di poter rincontrare Laura Peri, per approfondire tematiche che forse oggi sono rimaste un po’ in sospeso.

I due partecipanti durante il dibattito moderato da Gianluca Biscalchin, giornalista e illustratore
-